A piedi nudi – di Claudio Secci

Semplicemente, donne.

A piedi nudi – di Claudio Secci

A piedi nudi – di Claudio Secci

recensione di Loriana Lucciarini

piedi nudi

A piedi nudi è un avvincente thriller con una protagonista unica: Giséle.
Una ragazzina, a cui è stato tolto l’unico genitore in modo crudele, si ritrova sola ad affrontare gli eventi che la travolgono.
Lei, Giséle ha perso la parola dal giorno in cui l’infausto evento le ha strappato via tutto, quando il padre è rimasto vittima di un incidente, forse causato da un complotto ordito contro di lui. In un attimo famiglia e sicurezza economica svaniscono via e la vita sembra accanirsi su di lei come se dovesse espiare chissà quali colpe, non sue.

Giséle ha il passato avvolto dal mistero.

Giséle ama sentirsi libera e camminare a piedi nudi, sentire il contatto del pavimento freddo sotto ai suoi piedi.
Giséle è uno scricciolo ferito e in pericolo, nessuno è in grado di aiutarla e allora fa da sé.
Gisèle è sola, orfana, con un patrimonio di cui verrà in possesso solo fra molti anni.
Gisèle non ha dimenticato l’amato padre, le sue parole prima di morire, l’amore che le dava e che ora non c’è più.

Giséle sa che qualcuno è colpevole di tutto, lo sta cercando.
Ma, forse, anche lui cerca lei.
Giséle è forte, Giséle non si lascia fermare da nessuno.
Giséle sa scovare la verità come un segugio.

Di questa ragazza dallo sguardo fiero e dal cuore coraggioso, che si ostina a indossare una camicia da notte troppo piccola ma tessuta di ricordi, non ci si può non innamorare.
Giséle la si ama tutta intera, con le sue contraddizioni e misteri.
La si ama così com’è, con i capelli scapigliati e la scontrosità, per quel suo aspetto spaurito, istintivo e selvaggio, per la sua costante ribellione, per l’ostinazione, per l’arguzia e l’intelligenza che fin troppo spesso saranno sue alleate ma che la metteranno quasi sempre nei guai.

Rinchiusa nel reparto di un ospedale, in attesa che gli inquirenti e le autorità giudiziarie decidano sul suo futuro, Gisèle esplora il suo piccolo mondo fatto di corsie, stanze piene di medicine e archivi, di ammalati e infermieri, di notti intere insonni e giornate di noia.

Vaga a piedi nudi e osserva, cerca e trova, scova e nasconde, muovendosi in una storia fatta di mistero e rancore, di vendetta e riscatto.

Una storia dove spesso dovrà salvarsi da sola o fuggire da un nemico che la vuole morta e da situazioni in cui solo l’istinto potrà aiutarla.

L’autore di A piedi nudi è Claudio Secci, un autore con alle spalle l’esperienza di numerose pubblicazioni, è in grado per costruire una storia avvincente, in cui i continui colpi di scena trascinano il lettore con il fiato sospeso fino all’ultima pagina.

È abile nel descrivere le ambientazioni e lo fa così bene da renderle realistiche. Claudio Secci sceglie, infatti, la narrazione in prima persona ci introduce al flusso di coscienza e pensieri della protagonista ed è funzionale a questo e raggiunge l’obiettivo.
La dunque storia prende vita e si anima tra le pagine tanto che, vi assicuro, leggendo riuscirete quasi a percepirne rumori, odori che diventano solidi, reali.

Nello sfarfallio ansioso di rarefatte luci al neon, potrete cogliere i fruscii nel silenzio notturno, oppure sentire sulla vostra pelle gli spifferi di aria gelida giungere dal lungo corridoio abbandonato del piano superiore.
Ma tensione emotiva a parte, l’autore non si ferma qui e ci propone una protagonista affascinante e carismatica, di spessore e piena di sfaccettature, che saprà conquistarvi.
Perché Gisèle, è sì un personaggio scomodo, non richiama l’attenzione per essere amata tuttavia l’amerete ugualmente, perché è potente, forte, determinata, coraggiosa ed è il perno di una storia che, come la definisce lo stesso autore,

“racchiude tutti i quotidiani disagi esistenziali che una ragazza di cruda bellezza, a cavallo della sua adolescenza, assorbe in scenari diversi”.

Consigliatissimo!

Link d’acquisto

https://www.amazon.it/piedi-nudi-Claudio-Secci/dp/889994735X

Sinossi

Gisèle è un vortice che attrae tutte le difficoltà che una ragazza orfana e di limitata cultura può incontrare.

Il racconto vede in questa ragazza di quattordici anni una donna cresciuta troppo in fretta. Gisèle non deve solo pagare il prezzo di essere sola ed abbandonata, schivando pericoli e difficoltà che le stanno attorno, ma anche quello di essere particolarmente curiosa e abile nel risolvere enigmi e dare risposte a misteri che la riguardano da vicino.

La spensieratezza e la genuinità di un’anima che si è fatta letteralmente le ossa da sola, dopo la perdita del padre, si mescolano a un discontinuo bagaglio di conoscenze, consapevolezze, paure. Gisèle è tenace e molto astuta, tanto da riuscire a colmare più di una volta le sue lacune culturali e la sua selvaggia esperienza accumulata durante lo stato di abbandono.

Ruota tutto attorno a un unico punto fermo: la voglia di ribellarsi al mondo per tutte le crudeltà vissute dalla nascita.

Una storia che racchiude tutti i quotidiani disagi esistenziali che una ragazza di cruda bellezza, a cavallo della sua adolescenza, assorbe in scenari diversi.

Titolo: A piedi nudi
Autore: Claudio Secci
Edizione: Leucotea, 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.