Kate Chopin, “forse è meglio svegliarsi dopotutto”

Kate Chopin, “forse è meglio svegliarsi dopotutto”

Kate Chopin, “forse è meglio svegliarsi dopotutto”

di Romina Angelici

Kate Chopin, nata Katherine O’Flaherty (Saint Louis, 8 febbraio 1851 – Saint Louis, 22 agosto 1904), è stata una scrittrice statunitense, di racconti e romanzi, principalmente sullo sfondo della Louisiana creola.

È considerata oggi una delle “progenitrici” delle autrici femministe del XX secolo.

Kate Chopin è nota per il suo romanzo The Awakening (Il risveglio), opera incentrata sulla liberazione (interiore) di una donna nell’America del primo novecento.

Suo padre, Thomas O’Flaherty, era un imprenditore di successo emigrato da Galway, in Irlanda. Sua madre, Eliza Faris, era ben inserita nella comunità francese di St. Louis. La nonna materna, Athena’ise Charleville era di origine canadese e parlava solo francese.

Morto il padre, Kate si legò ancora di più alla madre, alla nonna e alla bisnonna, formando con loro un allargato e forte circolo di donne. La nonna di Kate, Madame Charleville, che aveva avuto quindici figli con Joseph Charleville, si occupò della sua educazione: insegnò a Kate non solo musica, storia e francese, ma anche a vivere la vita “in modo chiaro e senza paura”.

Nel 1855, il 1° novembre, essendo uno dei fondatori della Pacific Railroad, suo padre era a bordo del treno nel suo viaggio inaugurale sul ponte di Gasconade, che improvvisamente crollò, uccidendo molti dei suoi passeggeri.  Eliza Faris O’Flaherty, la madre di Kate, era un membro dell’importante comunità francese-creola e un membro di un circolo sociale esclusivo. Ella aveva solo 27 anni quando venne a sapere della morte del marito di 50 anni. Il racconto “Storia di un’ora” sembra essere ricalcato proprio su quell’avvenimento tragico per la famiglia di Kate.

kate chopin

La guerra civile

Due anni dopo il lutto in famiglia, Kate tornò all’Accademia del Sacro Cuore dove incontrò una ragazza di nome Kitty Garesche divenendone molto amica: le due adoravano scrivere e leggere insieme, ma nel maggio del 1861 scoppiò la guerra civile a St. Louis e la famiglia di Kitty fu bandita da scuola per le loro “simpatie” confederate.

Quando si diplomò all’Accademia del Sacro Cuore, nel 1868, Kate Chopin era una brillante studentessa, buona lettrice (i suoi autori preferiti erano Walter Scott e Charles Dickens), provetta narratrice e un’abile pianista.

All’età di 19 anni, Kate incontrò Oscar Chopin, un mercante di cotone, e lo sposò il 9 giugno 1870.

“Sto per sposarmi”, confidò Kate al suo diario, “sposata con l’uomo giusto. Non sembra strano come lo immaginavo: mi sento perfettamente calma, perfettamente raccolta. E quanto erano sorpresi tutti, perché l’avevo tenuto così segreto!”

Durante il loro lungo viaggio di nozze, durato tre mesi, la coppia visitò Cincinnati, Filadelfia e New York, quindi attraversò l’Atlantico e sbarcò a Brema, in Germania. I Chopin fecero tournée in Germania, Svizzera e Francia. Videro Parigi solo brevemente, nel settembre 1870, durante la guerra franco-prussiana, in un momento in cui la città si stava preparando per un lungo assedio.

Leggi anche: Emily Davies  L’emancipazione e la forza dell’educazione

Kate Chopin – la vita familiare

Di ritorno negli Stati Uniti, la coppia, che già attendeva il primo figlio, si stabilì a New Orleans, dove Oscar stabilì un’azienda come fattore del cotone, occupandosi di cotone e altre merci (mais, zucchero e melassa, tra cui). All’epoca la Louisiana era nel mezzo della ricostruzione e la città era piena di problemi economici e razziali. Oscar si unì alla famigerata Lega Bianca, un gruppo democratico che nel 1874 ebbe uno scontro violento con i radicali repubblicani, facendo sì che il presidente Grant inviasse truppe federali.

Ma New Orleans offriva anche musica superba al Teatro dell’Opera francese, insieme a teatro, corse di cavalli e, naturalmente, Mardi Gras. Kate potrebbe aver incontrato il pittore francese Edgar Degas, che visse a New Orleans per diversi mesi intorno al 1872.

Quando l’attività commerciale di Oscar fallì nel 1879, decisero di trasferirsi a nord, nelle piantagioni della sua famiglia, a Cloutierville, un piccolo villaggio francese nella parrocchia di Natchitoches della Louisiana, e fu allora che Kate conobbe la comunità creola che divenne così un punto focale importante della sua scrittura.

kate chopin house

La casa, in seguito chiamata Bayou Folk Museum – Kate Chopin House, è stata distrutta da un incendio nel 2008.

Nel 1882 il marito morì di malaria lasciando Kate, a soli 32 anni, con i loro sei figli piccoli e lei dovette fare ritorno a St. Louis. Un anno dopo, anche la madre di Kate morì e lei, emotivamente provata dalle perdite subite, ottenne conforto da un medico di famiglia, Frederick Kolbenheyer che le suggerì di iniziare a scrivere come un modo per esprimere la sua rabbia e delusione per la vita. Aveva bisogno di trasformare la sua scrittura in un modo per sostenere se stessa e i suoi sei figli.

In realtà non è mai stata in grado di vivere con i suoi guadagni dalla scrittura, ma ha mantenuto la sua famiglia con entrate provenienti dagli immobili di sua proprietà in Louisiana e St. Louis.

Leggi anche: La prosa al femminile. Le grandi signore dell’Ottocento.

Kate “era una persona straordinaria e affascinante. Non molto alta, incline ad essere grassoccia, e piuttosto carina, aveva i capelli castani spessi e ondulati che ingrigivano prematuramente e gli occhi marroni diretti e scintillanti. Le sue amiche ricordavano quasi tutti i suoi modi silenziosi e la sua arguzia irlandese. Una compagnia gentile e alla mano, le piacevano le risate, la musica e la danza, ma soprattutto i discorsi intellettuali, e sapeva esprimere le sue opinioni ponderate con sorprendente immediatezza.”

“Ci sono alcune persone che lasciano impressioni non così durature come l’impronta di un remo sull’acqua.”

Iniziò pubblicando a proprie spese At Fault, suo primo romanzo (scritto da luglio 1889 ad aprile 1890) e riuscì a farsi stampare diversi racconti su riviste letterarie come “Vogue”, “The Atlantic Monthly”, “Independent”, “Saturday Evening Post”.

Il libro parla di una trentenne vedova cattolica innamorata di un uomo divorziato. Come Edna Pontellier ne Il risveglio, Teresa Lafirme fatica a conciliare la sua “esistenza esteriore” con la sua “vita interiore”. Come cattolica praticante non può accettare l’idea del divorzio, eppure non può bandire dalla sua vita l’uomo che ama.

famiglia vittoriana

Kate Chopin and sons Frederick, George, Jean, and Oscar. Photograph, 1877. Missouri History Museum Photographs and Prints Collections. Portraits. N11910.

Scrisse tantissimi racconti, alcuni ritrovati postumi, e dopo l’uscita della raccolta Bayou Folk, composta di  23 racconti, e A Night in Acadie, che ne contiene 21, gli editori le consigliarono di scrivere un romanzo e nel giugno 1897, Kate cominciò a scrivere A Solitary Soul (che poi stampato diventerà The Awakening, suo libro di maggior successo.

Mentre visitava la “St. Louis World’s Fair” il 20 agosto del 1904, Kate fu colpita da una emorragia cerebrale. Morì due giorni dopo, all’età di 54 anni.

La carriera letteraria di Kate Chopin

The Awakening è il suo lavoro più noto, ed è la storia di una donna intrappolata in una società opprimente. e acclamato dalla critica per qualità di scrittura e per l’importanza come una delle prime opere femministe anche se alla sua pubblicazione gli furono mosse accuse di presunta immoralità.

La sua carriera di scrittrice fu prolifica per quanto relativamente breve e inoltre non costituiva la sua occupazione principale perché aveva i figli da allevare.

Il suo primo lavoro fu una polka per pianoforte scritta per sua figlia chiamata “Lilia’s Polka” .

Influenzata da Guy de Maupassant e da altri scrittori, francesi e americani, Kate Chopin ha scritto molte cose di genere diverso tra racconti e romanzi, anche storie per bambini e famiglie. Al centro dei suoi scritti appare predominante la preoccupazione per la condizione delle donne nell’America dell’era vittoriana, e comunque anche l’esperienza nelle piantagioni della Louisiana e l’incontro con la comunità e la cultura creola le fornì ispirazione per diversi altri racconti a sfondo interrazziale.

Il risveglio della coscienza di W. H. Hunt

I temi trattati dai suoi scritti erano abbastanza scomodi per la società dell’epoca che concepiva il matrimonio come traguardo sociale e personale di rispettabilità e mal vedeva invece il crescente interesse dimostrato per Kate per l’amore fuori dal matrimonio, i figli, la sessualità, l’infedeltà (come nel racconto “The Storm“, sull’infedeltà di due innamorati durante un temporale, opera che fu condannata a causa della sua libertà sessuale).

La terza raccolta, A Vocation and a Voice, include lavori precedentemente rifiutati dagli editori di riviste per questi motivi,  tra cui il racconto più famoso di Chopin, “La storia di un’ora”, in cui una donna malata viene a sapere della morte accidentale del marito. La storia esamina la reazione della donna alla sua improvvisa e inaspettata indipendenza e termina sorprendentemente quando scopre che suo marito è in realtà vivo (Il racconto è stato tradotto di recente e pubblicato da Caravaggio Editore, a cura di Enrico De Luca, scaricabile gratis ebook)

Il 4 gennaio 1893, Kate Chopin pubblicò quello che divenne uno dei suoi racconti più famosi, “Desiree’s Baby“, su Vogue, inaugurata poche settimane prima (si trattava del primo delle successive 19 che la rivista pubblicò). La storia, inclusa in una raccolta di racconti dell’anno successivo, segue il breve matrimonio di Desiree che viene abbandonato da bambino e adottato e cresciuto da una famiglia amorevole. Dopo che lei e suo marito hanno avuto un bambino, e il bambino ha una carnagione scura, suo marito la accusa di essere di origine nera e la fa andare via. Il finale vede Desiree scomparire con il suo bambino. Ironia della sorte, solo pochi giorni dopo la sua partenza, il marito scopre una lettera lasciata da sua madre che spiega che è lui di razza mista. “Desiree’s Baby” è stato successivamente incluso nella raccolta Bayou Folk.

Vogue dedicherà la copertina alla scrittrice nel numero di dicembre 1894: la scrittrice è rappresentata “in una posa contemplativa eterea, con un piccolo copricapo nero. La didascalia di Vogue ne elogia intelligenza e bellezza: ‘SIG.RA KATE CHOPIN — Una bella donna, il cui ritratto non riesce a trasmettere una decima parte del fascino del suo viso espressamente adorabile, ha contribuito con onore a Vogue fin dal suo primo numero… La signora Chopin è audace nella scelta dei temi, ma squisitamente raffinata nel trattamento di essi, e il suo stile letterario è un modello di dizione concisa e finita”

https://www.katechopin.org/kate-chopin-vogue/

A parte la sua scrittura, ha anche tenuto un salone letterario a casa sua in 3317 Morgan Street a St. Louis.

Molte delle persone che frequentavano il “giovedì” letterario di Kate Chopin ed appartenevano alla sua cerchia sociale, erano giornalisti ed editori.

Eva Gonzales, morning Awakening

Alla domanda sulla sua scrittura e su ciò che sceglie di scrivere, dice “Certamente non tutto ciò a cui penso!”

Posso dire di aver letto soltanto alcuni suoi racconti e di averli trovati spiazzanti, scritti con uno stile di immediata espressività e diretta franchezza.

Istantanee di una consapevolezza, di una presa di coscienza che arriva all’improvviso e sbaraglia tutte le carte in tavola di situazioni e certezze precedenti.

Con tutta l’evidenza di un’immagine fotografica, catturano un momento per immortalarlo nello spazio e nel tempo con un flash tenace che arriva a illuminare anche le zone oscure dell’animo umano. Quel coacervo di sentimenti e pulsioni spesso celate nel profondo di ciascuno di noi e volutamente ignorate.

Nella scrittura di questi racconti c’è una modernità e una sensibilità nel cogliere proprio le esigenze più intime, e spesso inconfessabili, dell’individuo che per primo sovverte l’immagine sociale che lo ammanta e decide di appropriarsi della propria vita.

“Forse è meglio svegliarsi dopo tutto,
anche per soffrire; piuttosto che rimanere ingannati dalle
illusioni per tutta la vita.”

http://www.angelfire.com/nv/English243/Chopin.html

https://www.katechopin.org/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.