5 Libri Imperdibili a maggio

Semplicemente, donne.

5 Libri Imperdibili a maggio

Imperdibili

5 Libri Imperdibili a maggio

5 libri tra i petali di rosa

Buonasera a tutti, cosa succede oggi?

La risposta è facile: oggi è la giornata dei nostri Libri Imperdibili. Sto per presentarvi i titoli da non perdere nel mese di maggio.

Ad essere sincera, sono convinta che un paio di titoli li conosciate già.

Questo mese è iniziato con una speranza, anche se piccola e timida.

Vi comunico che questo è anche il mese in cui si verifica, per questo anno in particolare, il Bologna Children Books Festival: la fiera internazionale del libro per ragazzi.

Lo sapete già, perchè ve ne ho già parlato, che durante questa manifestazione si assegnano diversi premi dell’editoria per ragazzi.

Volete un paio di esempi?

Il Premio Orbil e il Premio Strega ragazzi.

Leggi anche: Un giorno al Bologna Children’s Book Festival

Quindi ho pensato: perchè non dedicare l’intero appuntamento con i Libri Imperdibili ai Ragazzi?

Non sono forse la speranza del futuro? Del rinnovamento?

Inoltre, vi dico questo con l’animo di una ragazzina, mentre vi scrivo, in televisione passano le immagini di un film che ho molto amato durante la mia adolescenza: Space Jam!

Bugs Bunny ha appena asserito: “Nemmeno Andersen, se avesse avuto una squadra, l’avrebbe chiamata: gli anatroccoli.”

Ne gli Imperdibili di maggio coglierò l’occasione per salutare un grande scrittore. Luis Sepulveda ci ha lasciato il mese scorso a causa dell’essere innominato.

Quindi Cultura al Femminile lo saluta inserendo un suo libro tra i nostri Imperdibili.

Salutiamo virtualmente anche Gianni Rodari. Sono ormai passati 100 anni dalla sua nascita e, nonostante questo, le sue opere soon ancora lette ed usate nella formazioni di ragazzi e di tutti quelli che ragazzi non sono più ma, diciamocelo, chi decide l’età di una persona?

Michael Jordan è finito in un paese pieno di cartoni animati e sta per giocare con loro una partita di basket.

Che altro dirvi dei nostri Imperdibili?

Ah sì! I premi letterari che vi ho citato, nel momento in cui vi scrivo, non hanno ancora un vincitore, almeno non tutti.

Ho scelto il libro che più mi ha incuriosito tra i candidati della fascia +11 ma vi lascio il link alle pagine preposte, così potrete seguire gli sviluppi.

Il premio Orbil 

Il premio Strega Ragazzi

Pronti a conoscere i miei libri imperdibili del mese delle rose?

Lucilla

Autore: Annet Schaap
Editore: La nuova frontiera Junior, 2019
Imperdibili
Candidato al premio Orbil nella sezione +11.

Tutte le sere Lucilla, la figlia del guardiano del faro, sale sessantuno scalini per accendere la luce che avverte le navi di tenersi lontane dagli scogli.

Ma in una notte di burrasca Lucilla si rende conto di non avere più zolfanelli, la luce non viene accesa e una nave si schianta contro uno scoglio. Per ripagare i danni, Lucilla dovrà lavorare per sette anni nella casa dell’Ammiraglio, la Casa Nera, dove si dice che viva un mostro.

Quel che Lucilla troverà però è più inquietante e più straordinario di quanto chiunque possa immaginare…

Lucilla ci trascina in un mondo da fiaba in cui convivono pirati, sirene e artisti bizzarri e ci ritroviamo al suo fianco in una storia che comincia proprio lì dove ha fine la favola della Sirenetta, una storia in cui si lotta con coraggio in nome dell’amicizia, per la libertà e il diritto a essere diversi.

Perchè lo metto sul mio comodino virtuale

I motivi per volerlo sono, per me, frutto della copertina e della sinossi. Nessuno di voi ha mai sognato di vivere in un faro? Di entrare in una casa misteriosa e finire in un posto magico?

Dai fari si può ammirare la tempesta che arriva e non tutte le tempeste portano sventura, io ne sono certa.

Lo scorso anno, grazie al Bologna Children Books Festival e al premio Orbil, ho conosciuto: I figli del re di Sonya Hartnett e ho amato quel libro.

Respira con me

Autore: Raffaella Romagnolo
Editore: Pelledoca editore, 2019

Imperdibili

Canditato al premio Strega ragazzi e ragazze nella sezione +11

Amedeo non ha dubbi: suo padre è un bastardo e la gita su Punta Liberté gli suona quasi come una punizione.

A scuola non ci va più da un mese, ma in casa nessuno lo sa. E ora questa strana idea: due giorni interi da solo con il padre. Da dietro il ciuffo di capelli lunghi, Amedeo osserva la vallata, la cima a 3.400 metri e il punto da cui inizia il percorso, fino al rifugio Fontanafredda, prima tappa della scalata.

Zaino, scarponi, qualche ricambio, giacca pesante e soprattutto niente cellulare.

La montagna è una galera, solo salita e sassi. La parete rocciosa gli mette paura. Il ricordo della madre, morta in un incidente lo accompagna per tutto il tempo e il fastidio per la compagnia del padre si fa sempre più forte.

L’unico antidoto è pensare a Lucilla, ma non basta, perché la montagna è spietata e ha in serbo per lui una terribile sorpresa. Età di lettura: da 12 anni.

Perchè lo metto sul mio comodino virtuale

Voi sapete cosa succederebbe se Don Chisciotte avesse la possibilità di conoscere la storia di Anna Kerenina?

Amedeo sta pensando a Lucilla, l’altro libro presente negli Imperdibili, e questo non può essere un caso.

Io non credo al caso!

Il segreto dell’alchimista

Autore: Antonia Romagnola

Editore: Self publishing

Imperdibili

Un atroce delitto, compiuto in un castello reso inespugnabile dalla magia, è solo la prima di una serie di morti misteriose che attraverserà le Terre e che costringerà il Supremo, Magister a capo della città di Palàistra, a occuparsi del caso.

Le indagini saranno affidate al principe Nimeon e a Ester, maga e insegnante di magia, che si troveranno così depositari del Mandato.

L’incarico li costringerà viaggiare per i regni alla ricerca dell’assassino, sulle tracce di un’antica leggenda che collega la famiglia di Nimeon ai segreti custoditi nelle Nebbie, allo spietato omicida e al passato della stessa Ester.
Ma il mistero più grande che li coinvolgerà è quello che lega le Terre ai poteri dell’alchimista napoletano Raimondo di Sangro, e che li condurrà più lontano di quanto potessero immaginare.

Perchè lo metto sul mio comodino virtuale

Volete sapere cosa ne penso?

Questa è la mia recensione: cliccate qui.

Inoltre vi dico che è l’inizio di una spettacolare avventura, dovete partecipare anche voi.

Il grande libro delle favole

Autore: Luis Sepulveda
Editore: Guanda, 2019
Imperdibili

«Parole adatte ai bambini e agli adulti. Parole che sono un ponte tra Esopo e l’America Latina e che non saranno mai neutrali.»

la Repubblica

TUTTE LE FAVOLE DI LUIS SEPÚLVEDA IN UN’OPERA UNICA

1) Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

2) Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico

3) Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza

4) Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

5) Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa

Capitata in una macchia di petrolio nelle acque del mare del Nord, la gabbiana Kengah atterra in fin di vita sul balcone del gatto Zorba, al quale affida l’uovo che sta per deporre strappandogli la promessa di averne cura e di insegnare a volare al piccolo che nascerà. Ma come può un gatto insegnare a volare?

A Monaco, Max è cresciuto con il suo gatto Mix, ma adesso che Max è grande, Mix è invecchiato e sta perdendo la vista. Ma un giorno sente degli strani rumori e intuisce la presenza di un topo. È la nascita di una nuova, bizzarra amicizia…

Le lumache sono abituate a condurre una vita lenta e silenziosa, ma una di loro si ribella: vuole avere un nome ed è curiosa di scoprire le ragioni della lentezza. Per questo, nonostante la disapprovazione delle compagne, intraprende un viaggio che si trasforma in un’avventura verso la libertà.

È dura per un cane lupo vivere alla catena, nel rimpianto della libertà conosciuta da cucciolo e nella nostalgia per tutto quel che ha perduto. Uomini spregevoli lo hanno separato dal bambino indio che è stato per lui come un fratello e ora gli chiedono di dare la caccia a un misterioso fuggitivo…

Da una conchiglia che un bambino raccoglie su una spiaggia cilena, a sud, molto a sud del mondo, una voce si leva, carica di memorie e di saggezza. È la voce della balena bianca, l’animale mitico che per decenni ha presidiato le acque che separano la costa da un’isola sacra per la gente nativa di quel luogo, la Gente del Mare. Per la prima volta è lei stessa a raccontare la sua storia.

Cinque grandi storie di amicizia, differenza e amore e rispetto per la natura, capaci di divertire e commuovere più generazioni di lettori, perché questa è la magia del grande scrittore cileno.

Perchè lo metto sul mio comodino virtuale

Lo ammetto, sono colpevole, non ho mai letto nulla di questo autore ma il successo delle sue opere è incontrastato.

Colmerò la lacuna.

Lo sapete tutti, le favole si possono leggere a qualsiasi età. Questi libri sono Imperdibili e li leggerò in questa edizione che li raggruppa sotto una sola copertina.

Le avventure di Cipollino

Autore: Gianni Rodari
Editore: Einaudi, 2016
Imperdibili

Un monello che fa piangere chi gli strappa i capelli e un principe acido, cattivo e poco furbo sono i due antagonisti di questo memorabile romanzo del 1952.

La posta in gioco dello scontro fra Cipollino e Limone è nientemeno che la libertà di un popolo intero, composto di pomodori, ciliegie, fagiolini e vecchie talpe. Incantate come una fiaba, lunghe come un romanzo, divertenti come un cartone animato, Le avventure di Cipollino sono un libro unico, nato nell’atmosfera di entusiasmo e di speranza del secondo dopoguerra.

La trama è lineare: i buoni, vessati dal tiranno e oppressi da regole insensate, guidati dal giovane Cipollino riusciranno a sconfiggere i cattivi a colpi di scherzi, beffe e piani geniali, senza mai ricorrere alla violenza.

Ma l’intento di Gianni Rodari, non è mettere in scena una lotta tra il male e il bene: è quello di dimostrare che una società giusta sia possibile, auspicabile e anche più divertente per tutti.

Perchè lo metto sul mio comodino virtuale

Gianni Rodari è sempre attuale e ci ha lasciato un grande tesoro: le sue opere.

I bambini ci hanno guadagnato e anche tutti coloro che si occupano di insegnamento all’infanzia. Lessi questo libro anni fa, ero una bambina e, dato che lo sono ancora, lo devo assolutamente rileggere.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.