Il ritorno del Cavaliere – di Antonia Romagnoli

Il ritorno del Cavaliere – di Antonia Romagnoli

Il ritorno del Cavaliere – di Antonia Romagnoli

recensione di Serena Savarelli

ritorno cavaliere

Antonia Romagnoli, nel suo romanzo Il ritorno del cavaliere, ci conduce in una fortezza non di grandi dimensioni, chiamata Lulworth Castle, nel Dorset; siamo a fianco di Sir Owen, un soldato di ventisei anni, dalla corporatura robusta, alto, scuro di pelle e di capelli, sopravvissuto alla Crociata in Terra Santa, indetta da Papa Urbano II.

Il giovane è costretto a fronteggiare l’ennesimo dolore che si aggiunge a un passato denso di drammaticità. Le sofferenze del suo animo sono nulla rispetto a quelle che dovrà recare, Indipendentemente dalla sua volontà.

Il suo migliore amico Thomas Rowley è caduto in battaglia, il suo corpo è rimasto sepolto in quella terra straniera caratterizzata dal colore dell’oro e i profumi di spezie orientali.

Thomas era l’unico erede di Lulworth Castle, perché il sovrano, suo padre, è in fin di vita. Il luogotenente Sir Mark, fedele servitore della famiglia Rowley ha in comune con Owen la dipartita precoce di un amico e la prospettiva di assistere alla probabile rovina del feudo. A meno che, guardandosi negli occhi e intorno a loro, l’inevitabile diventi una soluzione.
Al suo arrivo, Lady Edlyn, sorella di Thomas, corre ad abbracciare il presunto fratello, perché Owen è in sella al destriero, che Thomas gli ha affidato prima di spirare, e sopra di lui svetta lo stendardo della sua famiglia. Con lei, tutto il resto della corte festeggia il ritorno dell’erede, unica salvezza per quel regno conteso e ambito da diversi nemici, primo fra tutti il cugino Tristan Wadham.

“Owen capì di dover scegliere tra una verità sgradita a tutti e una pietosa bugia”.

Sir Owen, uomo senza nome, dal passato intrigante e misterioso, sarà in grado di recitare una parte nelle vesti di un altro uomo? Sarà abile di rendersi credibile agli occhi di quanti avevano conosciuto e amato Thomas?

“Mai ci fu impostore migliore di te, Owen Lackname” disse a sé stesso. “Eri Simon Owen Tremaine di Launceston, adesso sei sir Thomas Rowley. In realtà, non sei proprio nessuno, che Dio t’aiuti!”

Nel castello gli imprevisti si susseguono uno dietro l’altro, ma alcuni di questi sono dirompenti da stravolgere il corso degli eventi. Colei che era nata per essere merce di scambio, una parte poco importante del gioco a cui tutto il feudo doveva partecipare, Lady Edlyn, diventa la pedina decisiva che potrebbe cambiare la sorte di tutti.

Una bellissima giovane, disperata perché sola e sconvolta dall’arrivo di un fratello che non riconosce dopo tutti gli anni trascorsi lontano da lui. Nessuna complicità, nessun legame fluido e spontaneo negli occhi di quell’uomo indurito dalla guerra.
Un uomo, nel quale, ben presto, lei scopre una verità inimmaginabile, uno scambio d’identità che la porterà a scoprire l’amore.

“Che cos’era l’Amore? Fino a che punto lo conosceva? Talvolta, l’amore di Dio le sembrava così lontano da essere inafferrabile, incomprensibile. (…) Io sono Morte, io sono Dolore. Per il momento questo riempiva anche troppo il suo cuore, stretto nella morsa di una sofferenza indicibile.”

Owen è abituato a fidarsi solo della sua forza e del suo cuore e Edlyn ha sacrificato tutta sé stessa per accudire il padre e un feudo, nonostante il suo essere donna. Un uomo e una donna intrecciati da un destino che non li esime dal vivere un incubo.

“Owen non era suo fratello, era un uomo che aveva destato in lei qualcosa di mai provato prima.
(…) Era incapace di pensare qualunque cosa, tranne che quei brevi momenti erano valsi tutta la sua vita.”

L’esistenza al castello si trasforma in una caccia al nemico, in un groviglio di segreti e tesori nascosti, mentre viene annunciato il fidanzamento tra Edlyn e il figlio del conte, facendo chiudere il cielo inesorabilmente sopra la giovane, senza lasciarle più nessuno sprazzo di sole.
Sarebbe stato sufficiente un nome, un sigillo reale, un pezzo di stoffa insanguinato a sconfiggere tutto il male che dilagava in quel loro mondo sconvolto?

“Tutto cominciava e finiva lì: nella forza di perdonare e andare avanti, senza perdere la fiducia.
Quanto invidiava il popolo, che mai si faceva domande e continuava il suo cammino, fiducioso che questo mondo fosse solo il crogiolo per la vita futura!”

In un periodo storico, talmente buio come quello medievale, può la potenza dell’Amore superare i soprusi, ridare un nome e condurre tutti a un lieto fine? Quale miracolo potrebbe mai compiersi in un regno dove la realtà rimane intrisa di potere spirituale?

“… a me basta che i tuoi occhi continuino a guardarmi come ora.”

Il ritorno del cavaliere è un romanzo che conduce il lettore in un periodo storico dove a dirigere le vicende è il potere e il voler possedere anche a costo di uccidere per raggiungere i propri scopi.

Un’era buia dove la donna è una merce di scambio da consegnare per risollevare le sorti di un feudo o mantenere alleanze proficue; dove ognuno è disposto a commettere terribili delitti pur di possedere reliquie religiose d’inestimabile valore.

Una storia di segreti e bugie nella quale non manca comunque l’Amore, come sentimento che, nonostante, gli animi induriti da guerre, abusi e ingiustizie, rimane l’ingrediente perfetto per sconfiggere ogni male.
Antonia Romagnoli narra le vicende con una scrittura fluida e che sa trasmettere le emozioni di ogni personaggio attraverso dialoghi ben articolari. Il lettore si affeziona al destino di Owen ed Edlyn e, insieme a loro, segue il dipanarsi degli imprevisti con il batticuore e facendo il tifo per coloro che non smettono di amare e avere fiducia.

Link d’acquisto

https://www.amazon.it/ritorno-del-cavaliere-Collana-Literary/dp/8833665011

Sinossi

Dorset, 1101.
Un triste incarico attende Owen Lackname, cavaliere di ritorno dalla Terra Santa: sir Thomas, suo amico fraterno e compagno d’armi, è caduto in battaglia e con le sue ultime parole gli ha chiesto di portare la ferale notizia di persona alla famiglia che lo attende in patria. Owen, accompagnato dagli altri cavalieri reduci dalla Crociata, si appresta a compiere il proprio dovere, ma a causa delle insegne che porta con sé viene scambiato per l’amico perduto.

La drammatica situazione in cui versa il piccolo feudo di Lulworth gli impedisce di chiarire l’errore, costringendolo a prendere il posto di Thomas per dare sostegno alla sorella di lui, Edlyn, che da mesi assiste un padre infermo eguida il feudo resistendo agli attacchi di misteriosi nemici.

A complicare tutto, però, sono i sentimenti tutt’altro che fraterni che Owen comincia a nutrire per la bella castellana e i segreti sempre più grevi che il cavaliere porta con sé, a partire dalla sua vera identità e dal vero motivo che lo ha ricondotto in Inghilterra…

Titolo: Il ritorno del cavaliere
Autore: Antonia Romagnoli
Edizioni: PubMe, 2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 9 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.