L’abito tarlato – di Eleonora Grussu

L’abito tarlato – di Eleonora Grussu

tarlato

L’abito tarlato – di Eleonora Grussu

recensione di Emma Fenu

tarlato

 

L’abito tarlato è un romanzo di Eleonora Grussu edito da Sguardi Sardi nel 2019.

Le vecchie case disabitate esercitano sempre fascino. Quali misteri racconteranno gli oggetti e i mobili impolverati, dando voce a chi non c’è più?

Cora, la protagonista de L’abito tarlato, è una ragazza determinata e coscienziosa di trent’anni con l’aspetto fresco di un’adolescenze.

Si è trasferita in città, lasciando il paese natale, e mal si adatta ai ritmi frenetici del traffico e alla superficialità dei rapporti umani. Preferisce una vita dedita al lavoro e alle poche e care amicizie.

Ma questo è un romanzo di formazione, e Cora diventerà, nel corso del viaggio dell’eroe, una donna consapevole di un passato che le appartiene nel sangue e nella memoria, un passato che profuma di miele, sangue, farina, inchiostro e ginepro.

Dopo aver visitato una masseria, osservata da un misterioso giovane che ne è la guida, la ragazza decide di tornare in paese non solo per un giorno,  come di solito, ma per una settimana, al fine di rivedere la casa dei nonni di cui è proprietaria da qualche anno.

In una recherche del tempo perduto, porta dopo porta, anta dopo anta, tenda dopo tenda, Cora ricorderà distintamente gli episodi di meravigliosa e intatta bellezza della sua infanzia e scoprirà che anche i nonni avevano un segreto risalente agli anni di gioventù.

A chi apparteneva l’abito tarlato, l’unico fra tanti difesi dalla naftalina, ben custodito in un pacco?

Quale uomo è stato presente nella vita dei nonni per poi scomparire e rivivere solo nella cura del ricordo?

Sarà Cornelia, la madre di Cora, a raccontare una storia struggente, una storia d’altri tempi, in cui vita e morte si intrecciano e stillano amore.

E non finisce qui.

Una scatola di latta color lilla contiene un regalo destinato solo all’amata nipote, quando fosse stata pronta a riceverlo.

Pronta a riconoscersi perla della stessa collana di donne e uomini, pronta a sapere che prima che lei nascesse già ne impastavano il destino come pane profumato, pronta ad amare se stessa e a innamorarsi.

Cosa contiene la tua scatola della menoria?
Qual è il regalo che ti porti nel sangue?
Link d’acquisto

https://www.ibs.it/abito-tarlato-libro-eleonora-grussu/e/9788894009552

Sinossi

Cora si è trasferita da alcuni anni in una città, dove lavora e passa la maggior parte del suo tempo, immersa, come tanti altri, nella frenesia del traffico urbano.

Un giorno, dopo aver visitato una mostra, si risvegliano in lei i ricordi di quando era bambina e decide di tornare nei luoghi dove ha vissuto l’infanzia e l’adolescenza, chiedendosi se riuscirà ancora a provare le stesse emozioni e le sensazioni di quei tempi, quando i nonni erano ancora vivi.

Da qualche anno, pur essendo diventata proprietaria della loro casa, non ha più trovato il tempo e l’occasione per andarci, o forse non ha voluto, perché quando i nonni, a cui era particolarmente legata, scomparvero, fu molto colpita dalla loro perdita.

La vecchia casa, come la chiama lei, è rimasta intatta, con gli oggetti e gli arredi che vi si trovavano quando era abitata dai suoi nonni e rivisitandola Cora percorrerà un viaggio a ritroso nel tempo.

Il rientro al paese l’aiuterà anche a rinsaldare il profondo legame con la madre. Tra gli oggetti della casa ritroverà per caso un vecchio abito tarlato, di cui non conosceva l’esistenza, dal quale prenderà il via il racconto della vita del nonno.

Titolo: L’abito tarlato
Autore: Eleonora Grussu
Edizione: Sguardi Sardi, 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.