Uno strano binomio: Grilli e Sangiovese, di Paola Casadei e Cinzia Tonelli.

Uno strano binomio: Grilli e Sangiovese, di Paola Casadei e Cinzia Tonelli.

Uno strano binomio: Grilli e Sangiovese, di Paola Casadei e Cinzia Tonelli.

Recensione di Anna Fresu

Grilli e Sangiovese è un romanzo scritto a quattro mani da Paola Casadei e Cinzia Tonelli.

Con una citazione dichiarata di “La finestra sul cortile” di Hitchcock, Cristina, divorziata e con i figli in vacanza, passa una noiosa estate a casa “spiando” dalla terrazza i movimenti dei vicini, sperando che accada finalmente qualcosa.

L’idea di scoprire qualcosa di particolare, losco o curioso, comodamente da casa propria, la intrigava. Non necessariamente un omicidio, non era neppure carino auspicare la morte di un vicino per appagare l sua sete di mistero; certo era che un’ombra dietro una tapparella o un grido nella notte avrebbero movimentato quel fine agosto un po’ noioso.

 Movimento ce n’era -eccome- almeno a sentire Zaira e Luisa,  le due anziane vicine che riempivano la monotonia quotidiana e la solitudine impicciandosi e parlando di tutto e di tutti, in quel quartiere un po’ in periferia (ammesso e non concesso che quella piccola città distinguesse il centro dalla periferia): un quartiere qualunque vicino a uno zuccherificio dismesso da tempo, riconquistato da una natura selvaggia, luogo ideale per portare a spasso il cane o per chissà quali traffici.

Grilli e Sangiovese è un romanzo scritto a quattro mani da Paola Casadei e Cinzia Tonelli.

C’era lo scandalo del “cantante”, Raul, buttato fuori casa dalla moglie per essersi invaghito di Agata, la procace polacca, badante di un vicino inavvicinabile; c’era Rodolfo, il parrucchiere da cui tutte si servivano: bravo e con mani speciali, a volte troppo audaci ma anche gratificanti; c’era l’Elvira, un’anziana signora che prima veniva a lavorare nel quartiere e ora se ne stava a casa sua, non più lì, ma che ogni tanto appariva.

E ora c’era anche una novità: Livia -“l’Africana”, come la chiamavano le vecchie signore- una che aveva vissuto tanti anni in Africa, in attesa del marito -pareva- ma che intanto la si vedeva troppo sorridente con un nero arrivato lì da poco. Il marito, che ancora non si era visto -ma apparirà, aspettatevelo- pare lavorasse per un’importante rivista scientifica che ora stava seguendo le ricerche “di un tale che sosteneva che gli insetti fossero la risorsa del futuro“.

Leggi anche: Storie di un tempo breve (anzi brevissimo) di Anna Fresu

Gli insetti per uso cosmetico e alimentare e un ristorante “clandestino” per clienti dai gusti particolari saranno terreno fertile per loschi affari e nuove avidità.

In questo vicinato di piccola città di provincia in cui tutto sembra svolgersi in un’aura di “normalità”, occorrerà un fait divers -o meglio due- per movimentare (maggiormente) le giornate: la scomparsa di Rodolfo e l’omicidio di Elvira, oltre a strani tentativi di penetrare nell’appartamento di Livia e oggetti del passato che compaiono misteriosamente. Il tutto condito da ipotesi, pettegolezzi, tentativi di indagini, ciascuno a suo modo.

Non poteva mancare la “femme fatale”: Sara Galletti, giornalista rampante di una televisione locale che spera di trarre vantaggio dalla situazione, di fare finalmente lo scoop che le permetterà un salto di carriera e darle accesso alle tv nazionali.

Ex Eridania di Forlì

Come imprescindibile è naturalmente il fascinoso commissario Ronchi che dovrà dipanare le tante matasse, sciogliendole dagli equivoci, dalle tante intromissioni non richieste  seppur, a volte, inconsciamente utili.

C’è poi l’amicizia fra Cristina e  Livia che si costruisce lentamente e diventa sempre più solida, riuscendo persino a superare un marito in comune, liberandosi da gelosie e preconcetti.

La trama gialla è ben costruita, riuscendo a mantenere sempre viva l’attenzione del lettore e non deludendolo nel suo scioglimento.

Il tutto inserito perfettamente in un’ambientazione accurata, in cui si muovono personaggi non banali ma assolutamente credibili, molto ben caratterizzati con un’abitudine evidente al teatro; diverse solitudini che si incontrano, con sguardi a cui sfuggono talvolta i cambiamenti -un invito a guardare oltre le apparenze-, dialoghi scoppiettanti farciti di colorite espressioni romagnole.

Il libro, scritto a quattro mani da Paola Casadei e Cinzia Tonelli, sembra in realtà scritto da un solo autore, tanto è l’equilibro, l’armonia, la perfetta intesa che le due scrittrici sono riuscite a creare, frutto di un’amicizia consolidata e da lunghe telefonate durante quattro anni. E da una notevole abilità letteraria.

Al lettore si suggerisce la lettura assaporando uno snack di grilli fritti accompagnato da un calice di buon Sangiovese. Volendo, ascoltando l’orchestra Casadei.

Grilli e Sangiovese – sinossi

Estate 2017. In una provincia romagnola, a fine agosto tutto sembra scorrere monotono. Cristina, divorziata e single, consuma annoiata le sue ferie in città. Al pari di Luisa e Zaira, le anziane impiccione vicine di casa, osserva i movimenti di Agata, la bella badante polacca di un anziano vedovo, e di Livia, detta “l’Africana”. A curare la regia del chiacchiericcio pare essere Rodolfo, il parrucchiere del quartiere.

Saranno la sua improvvisa scomparsa e una serie di omicidi a favorire l’incontro tra Livia e Cristina che, sino ad allora, si erano studiate a distanza. Con le due donne dovrà fare i conti anche il commissario Ronchi contenendo il loro desiderio di collaborare. In un susseguirsi di eventi, compreso un originale invito a una cena esclusiva a base di grilli e Sangiovese, traffici illeciti di cantaridi e angiomi sulle natiche, il commissario Ronchi, con l’aiuto e, a volte, l’intralcio di Livia e Cristina, forse troverà la casella per ogni tassello.

Grilli e Sangiovese – scheda

Titolo Grilli e Sangiovese

Autore Paola Casadei e Cinzia Tonelli

Editore CIESSE Edizioni

Link d’acquisto https://ciesseedizioni.it/prodotto/grilli-e-sangiovese

https://www.amazon.it/Grilli-Sangiovese-Paola-Casadei/dp/8866603473

Grilli e Sangiovese è un romanzo scritto a quattro mani da Paola Casadei e Cinzia Tonelli.

Una presentazione del libro

Le autrici

Paola Casadei, dopo aver vissuto diversi anni in Sudafrica e in Mozambico, vive ora a Montpellier. “L’elefante è già in valigia” (2015) è il suo primo libro, tradotto in francese nel 2019. Ha tradotto alcuni romanzi, è la responsabile del corso di letteratura italiana per il Centro culturale italiano Dante Alighieri e insegna italiano per stranieri.

Cinzia Tonelli è nata a Forlī nel 1965, da trent’anni lavora come infermiera nel DSM (Dipartimento di Salute Mentale) della sua città, gli ultimi quindici nel settore riabilitativo. Ha una grande passione per il teatro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.