“Il segreto della Curatrice” di Laura Usai

“Il segreto della Curatrice” di Laura Usai

la curatrice

“Il segreto della Curatrice” di Laura Usai

Recensione di Serena Savarelli

la curatrice

In molti mi reputavano un’impostora, qualcuno mi definiva una strega, ma alla fine, quando diveniva necessario il mio aiuto, qualsiasi pregiudizio veniva messo da parte e io diventavo “la Curatrice”.

Il segreto della Curatrice” di Laura Usai è un romanzo fantasy che parla di una donna e del suo dono, del suo passato e del suo futuro incerto, in un mondo antico dove essere accettati non è sempre facile.

Il nome di questa donna è Gwen e il suo corpo non dimostra la sua vera età. Nel piccolo villaggio dove è approdata vive una vita isolata dagli altri abitanti, nella miseria, preferendo nascondersi piuttosto che apparire. A volte ci riesce, altre ancora è impossibile. Dentro di lei si cela una magia, quella che Gwen preferisce chiamare dono, una sensazione improvvisa simile a un’energia che le invade la mente e il corpo, attraendola là dove qualcuno rischia di morire. Lei sa sempre quando una persona sta male per davvero e da quella va, con le sue mani capaci di risucchiare la morte e guarire definitivamente. Gwen è nata così e, a causa di questa sua caratteristica, è costretta a fuggire più volte, portandosi appresso un passato di segreti che non sono altro che persone care da proteggere.

Avvertiva costantemente la mancanza di qualcosa che la faceva sentire incompleta. Ogni tanto le sembrava di essere come la barca del dipinto appesa sopra il suo letto: in mezzo un pare in tempesta, in balia delle onde, senza alcuna direzione in cui andare.

La sua quotidianità, fatta di visite a persone malate e lotte per difendersi dagli impostori che la sfruttano e le rubano il denaro che guadagna, viene stravolta da un uomo. Il dottor Peter Collins.

Gwen sarà costretta a stringere un patto con lui, a seguirlo in un altro luogo, fingendosi la sua consorte. Non si fida di lui e ha paura che l’interesse dell’uomo, nei suoi confronti, sia unicamente rivolto al dono che conosce.

Nella sua nuova casa, fatta di agi e ricchezze, Gwen trascorre molto tempo nella biblioteca. In questa stanza scopre un’antica e cospicua collezione di libri di medicina e magia, erbe curative e doni magici. Un libro attrae particolarmente la sua attenzione: è la favola di Vita e Morte, due sorelle. Gwen riesce a leggere solo le prime pagine, poi lo chiude di scatto e sa di non essere più al sicuro. Non ha paura per la sua vita, ma per quella dell’unica persona che cerca di proteggere da quando ha capito chi è e cosa riesce a fare.

Chiusi il libro di scatto come se mi avesse bruciato le dita. Non volevo più continuare a leggere una sola riga di quella storia perversa. Ero turbata, improvvisamente pentita di aver aperto quel libro e di aver letto ciò che conteneva.

Ben presto Gwen e Peter dovranno fare i conti con un uomo malvagio che verrà allo scoperto solo quando il passato di Gwen stravolgerà l’esistenza di tutti.

Accanto a lei, Peter ignora la verità e non gli bastano più le bugie della donna, perché il suo obiettivo è quella di proteggerla fino alla fine, dimostrandole così che il suo interesse va ben oltre a quello per le sue potenzialità.

Ero in piedi, con le mani strette al petto in cerca di aria per i miei polmoni. Un peso opprimente mi impediva di respirare e di parlare. La disperazione si stava impossessando di me rendendomi incapace di rimanere lucida. Sentivo addosso una sofferenza che non mi apparteneva. Qualcuno, là fuori, stava morendo.

Quando tutto sarà svelato, riuscirà Gwen a proteggere ciò che le sta a cuore, senza ledere nessuno? Peter sarà capace di accompagnarla in un percorso dove la magia buona si scontra con un lato oscuro e perverso?

Laura Usai è appassionata da sempre di letteratura e unisce il suo amore per la scrittura a quello della sua professione rivolta al mondo della comunicazione digitale. La storia di Gwen è un modo di narrare fluido e coinvolgente che lascia il lettore in continua suspense, tra colpi di scena e un dipanarsi degli eventi solo al momento giusto.

 

 

Titolo: Il segreto della Curatrice
Autore: Laura Usai
Editore: Independently published (20 dicembre 2019)

 

Sinossi:

 

Gwen convive da sempre con il peso del suo potere, che la porta a viaggiare e a cambiare nome in continuazione, senza possibilità di legarsi a luoghi o persone. Tutto cambia quando attira l’attenzione del dottor Peter Collins: affascinato dal suo dono, l’uomo le propone di fargli da assistente nella città in cui è stato chiamato a operare; e Gwen, messa alle strette da una serie di eventi, non può fare altro che accettare. Una decisione obbligata, che la vedrà costretta a fidarsi di un uomo che ancora non conosce, andando incontro, per la prima volta, ad un futuro che non ha progettato lei…

 

Potrebbe interessarti anche la recensione de “La donna del bosco” di Hannah Kent

 

Una risposta.

  1. Laura Usai ha detto:

    Ciao Serena, sono l’autrice del romanzo: volevo ringraziarti di cuore per questa recensione! L’ho trovata per puro caso sul web e non immagini quanto mi abbia fatto piacere sapere che Il Segreto della Curatrice ti sia piaciuto. Complimenti per la bellissima analisi della storia e grazie infinite per aver dedicato uno spazio sul vostro blog alla recensione del mio romanzo… ne sono davvero felice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.