L’amante di Barcellona – di Care Santos

L’amante di Barcellona – di Care Santos

L’amante di Barcellona – di Care Santos

recensione di Emma Fenu

l'amante barcellona

 

L’amante di Barcellona è un romanzo storico scritto da Care Santos ed edito da Salani nel 2020.

C’era una volta un libro che raccontava i segreti scabrosi di una cortigiana. Le copie furono date al rogo, ma una si salvò…

Potrebbe iniziare così questa recensione. Oppure con c’era una volta un bibliofilo francese, anzi un cospiratore catalano, anzi un frate camuffato, anzi un campanaro italiano, anzi una vedova ricca, anzi una fanciulla sprovveduta, anzi un magistrato corrotto…

Non è facile iniziare a raccontare la storia de L’amante di Barcellona, come non è facile dare un volto alla protagonista del titolo, forse perchè la vera protagonista è la città. E da Barcellona, dunque, si inizi.

“Considero le città come organismi, come esseri viventi. Per me, Madrid è un uomo e Barcellona è una donna. Ed è una donna estremamente presuntuosa.”
Carlos Ruiz Zafón

Dopo la Guerra di Successione, nella prima metà dell’Ottocento, Barcellona, ripresi i contatti commerciali con l’America, fu una città potente, illuminata e moderna e, successivamente e quasi  al contempo, assediata e decadente: una cattedrale dove l’odore di incenso si confondeva con quello dello sterco e un castello dove le parrucche sfilavano accanto ai capelli corti e i mantelli accanto ai palteaux.

Le Ramblas non erano quelle che conosciamo e, fino al 1854, antiche mura e torri circondavano la città.

I cambi di egemonia, lingua ufficiale, costumi e prospettive camminavano svelti, come fuggiaschi nella notte della Storia.

Meravigliosa e infida come una novella Lilith, era Barcellona allora. E in essa si incrociavano uomini e libri, i primi lasciando ossa e i secondi carta, entrambi passibili di falsificazione postuma o di oblio e entrami fantasmi, nell’accezione etimologica, di futuro.

Quale epoca più complessa per l’ambientazione di un romanzo? E quale epoca più affascinante?

Una scrittrice, attraverso polverosi manoscritti, epistole e documenti dell’epoca, ricostruisce le vicende di un libro per collezionisti disposti a tutto e vi inserisce, in nota a margine, amore, vendetta, riscatto, rimpianto, rimorso e pentimento.

 

Care Santos tesse un’opera per nulla banale, puntuale nella ricerca storica –  pochissime sono le licenze letterarie – e coinvolgente nel pathos, nelle agnizioni, nei colpi di scena e nel finale atteso, senza cedimento alla noia, per 667 pagine.

Lo stile de L’amante di Barcellona riecheggia il narratore onniscente dei classici romanzi storici, quello che con ironia si rivolge ai lettori ricondando che così va il mondo, o per lo meno così andava nel secolo XIXmo, ma non rinuncia al mutamento del punto di vista del’io narrante.

 

“Il mio corpo sulla terra, il mio spirito nelle nuvole. E tutti e due dentro un libro.”
Robert Sabatier

Link d’acquisto

https://www.salani.it/libri/lamante-di-barcellona-9788831000581

Sinossi

C’è una storia sommersa sotto la polvere delle infinite copie e le carte accumulate nell’antica libreria Palinuro.

E sommersa sarebbe rimasta, se una scrittrice non avesse notato e raccolto i frammenti del mistero nascosto tra gli scaffali.

È la storia di un libro perduto, prezioso ed enigmatico, dal titolo scandaloso: “Mémoires secrets d’une femme publique”, ‘memorie segrete di una donna pubblica’.

Punta di diamante della biblioteca di un ricco signore della Barcellona napoleonica, il volume è bramato dalla nobiltà e dalla borghesia locali, tanto da essere sottratto al suo possessore.

Sparito nel nulla, oltre due secoli dopo il memoriale non è stato ancora ritrovato, ma il suo viaggio rocambolesco ha lasciato qualche traccia…

Sullo sfondo delle ambientazioni popolari, bohémienne e aristocratiche della Barcellona dei decenni più convulsi dell’Ottocento, la ricerca della scrittrice porta alla luce una vicenda intricata che coinvolge una galleria di personaggi affascinanti e controversi:

a partire dal viscido Néstor Pérez de León, così avido di lusso e ricchezze da non farsi scrupoli pur di mettere le mani sul volume; passando per il giovane rivoluzionario Brancaleone, che si scontra con il libro per una strana casualità; fino a Carlota Guillot, la figlia del primo possessore, che paga, suo malgrado, la passione antiquaria del padre.

Titolo: L’amante di Barcellona
Autore: Care Santos
Edizione: Salani, 2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.