Margaret Tarrant, come dipingere sogni in età vittoriana.

Margaret Tarrant, come dipingere sogni in età vittoriana.

tarrant

Margaret Tarrant, come dipingere sogni in età vittoriana.

di Romina Angelici

Margaret Tarrant, il cui nome completo è Margaret Winifred Tarrant, unica figlia del paesaggista Percy Tarrant e di Sarah Wyatt, nasce a Battersea, nel sud di Londra, il 19 agosto 1888.

È ricordata per essere stata un’illustratrice specializzata in raffigurazioni di bambini e divenne famosa per i suoi libri per bambini, cartoline, calendari e riproduzioni stampate. Lunga fu la collaborazione con la Medici Society che a dispetto del nome, non era un ente di beneficienza ma una società commerciale.

Margaret Tarrant

03_alice in wonderland_p41, Tue Feb 23, 2010, 1:56:07 PM, 8C, 3302×4826, (2+1549), 100%, bent 6 stops, 1/60 s, R111.1, G77.9, B87.2

Margaret Tarrant, un talento precoce.

Sin da piccola Margaret amava disegnare e frequentando le mostre d’arte insieme al padre decise di allestirne una in casa realizzando una tenda con uno stendipanni sotto al quale appese i suoi disegni in bella vista invitando i genitori ad ammirarli.

Frequentò la Clapham School of Art dove iniziò a formarsi come insegnante d’arte ma dovette litigare con il padre per diventare un’illustratrice a tempo pieno perché non si sentiva di dare lezioni.

Nel 1907 la famiglia si trasferì a Gomshall, nel Surrey, e nel 1908 all’età di 19 anni intraprese il suo primo incarico, illustrando The Water Babies di Charles Kingsley per JM Dent and Sons. Seguirono altre commissioni, tra cui Alice in Wonderland (1916), Hans Anderson (1917) e Nursery Rhymes (1914 e 1923) per Ward Lock & Co., e due serie di cartoline per la Oxford University Press.

Margaret Tarrant

Nel 1934 perse i genitori a tre mesi di distanza l’uno dall’altro e si trasferì a Peaslake nel Surrey dove partecipò molto attivamente alla vita parrocchiale senza dimenticare il suo unico e grande amore per il disegno.

I suoi amici la descrivono come piena di energia, ricordano che viaggiava per la zona su un’antica bicicletta per risparmiare benzina, nonostante lei stessa non fosse sempre in ottima salute. Molti suoi vicini di casa sono poi finiti nei suoi disegni. Era famosa per il suo amore per gli animali e per il suo formidabile gatto, Bobby.

Una situazione che mi suggerisce qualche impulsiva analogia con Beatrix Potter…

Margaret Tarrant

The Fairy Way, Margaret Tarrant – Medici Print

Sebbene i suoi dipinti e le sue illustrazioni fossero spesso di fate o soggetti religiosi, credeva con fervore negli schizzi dal vero. Molti dei suoi dipinti erano bordati di foglie e fiori caratteristici del movimento Arts and Crafts e dello stile Art Nouveau che ammirava molto. Il suo vero amore rimaneva dipingere fiori selvatici di cui aveva una vasta conoscenza, e considerava le illustrazioni per una serie di cartoline di fiori selvatici pubblicate dalla Società Medici tra il 1937-1952 tra le sue migliori opere.

Margaret Tarrant arte e fede

La fede cristiana di Margaret era importante per lei e nel 1936 la Società Medici finanziò un viaggio di sei settimane in Palestina per ispirare il suo lavoro. Parte del suo diario illustrato di questo viaggio è stato pubblicato come Viaggio in Terra Santa (1988)

Non si sposò mai ma tra la sua amicizia più duratura fu con Molly Brett, insieme alla quale si trasferì a vivere, in Cornovaglia, verso la fine dei suoi anni, troppo malata perpoter restare ancora da sola.

Morì il 28 luglio 1959 e donò la sua proprietà a dodici enti di beneficienza.

Se la sua carriera è iniziata disegnando cartoline di Natale, a portarle la fama sono state le illustrazioni che gli editori le commissionavano.

Il dizionario degli illustratori di libri britannici di Alan Horne del 1994, osserva che “i suoi acquerelli e disegni a penna e inchiostro delicatamente colorati e piuttosto sentimentali sono rimasti estremamente popolari fino ad oggi”.

Oggi, Margaret Tarrant è apprezzata da intenditori e collezionisti di tutto il mondo. Le qualità durevoli e nostalgiche dei suoi modelli hanno un fascino ed un’eleganza che continuano a deliziare grandi e piccini.

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi anche…

Mamma Natale. Racconti di scrittrici tra Otto e Novecento.

Le più belle fiabe di Natale

Gertrude Jekyll e l’arte di progettare giardini

 

https://web.archive.org/web/20140307204140/http://www.medici.co.uk/licensing/margarettarrant.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.