Berthe Morisot, la pittrice impressionista – arte al femminile

Berthe Morisot, la pittrice impressionista – arte al femminile

Berthe Morisot, la pittrice impressionista

Berthe Morisot, la pittrice impressionista

di Romina Angelici

Berthe Morisot viene spesso ricordata più per essere stata musa e modella di Edouard Manet che per il suo talento che di fatto la rende l’unica pittrice impressionista del famoso gruppo di artisti.

Avendo dimostrato subito delle evidenti inclinazioni artistiche, dovette ben presto scontrarsi con le retrograde regole del tempo che non ammettevano studentesse nelle accademie perciò Berthe e sua sorella Edma furono mandate a prendere lezioni private di disegno e al Louvre a copiare i grandi capolavori.

La biografia romanzata intitolata Le impressioni di Berthe, di Stella Stollo, ci conduce alla scoperta di un mondo noto, quello degli Impressionisti, e di un mondo meno noto, quello al loro interno, fatto di relazioni e legami interpersonali dai risvolti e influssi determinanti umani, prima che artistici.

Tormentata dalla ricerca di se stessa nella pittura e combattuta tra il desiderio di amare e di essere amata, Berthe Morisot è stata ricordata più per il suo legame con i fratelli Manet che per i suoi meriti intrinseci e le spiccate doti artistiche  che ne hanno fatto una delle pochissime esponenti femminili del movimento degli Impressionisti francesi.

Berthe Morisot,  la pittrice impressionista

Le impressioni di Berthe

Berthe è una ragazza benestante, appartenente alla buona società borghese, cresciuta al Louvre tra i quadri dei classici da studiare e copiare, innamorata dell’arte e smaniosa di emanciparsi attraverso di essa facendone la sua professione. La conoscenza con Edouard Manet, già famoso, segna l’inizio del suo risveglio. Il sodalizio con il pittore e maestro, di cui è alternativamente musa, modella e allieva, è intenso, burrascoso e altalenante. Berthe è alla ricerca della sua verità nell’arte, nella vita e nell’amore. 

Passerei tutti i miei giorni a guardarlo e ad ascoltarlo, a setacciare con lui il pulviscolo di istanti in sospensione nell’eternità…

Edouard è sposato e l’attrazione irresistibile che li spinge l’uno verso l’altra può trovare manifestazione solo sulla tela, attraverso colori e sfumature degli innumerevoli ritratti per cui lui la prega di posare.

Le violette significano costanza, mi hai detto un giorno. Sono il simbolo del nostro legame, ostinato e cieco, sentimento selvatico che non vuol sentir ragioni.

Berthe Morisot,  la pittrice impressionista

Berthe è combattuta tra questa passione disdicevole, un fatale sentimento di odio-amore per Edouard e la tenerezza e l’affidabilità dimostratele dal fratello di lui, Eugene, che da sempre la ama e la ammira.

Se l’occhio trasmette al pennello le infinite nuances di colori che si rispecchiano nell’acqua o nel candore di un viso, il tumulto di sentimenti e di passioni che albergano il suo cuore non trovano via d’uscita.

So captare la luce e la sua impressione più suggestiva ovunque essa si posi: sugli abiti di Edma, sull’acqua del fiume, sulla foglia di un albero.

La sensibilità di Berthe, la sua reattiva emotività, l’amore speso nei rapporti con i suoi familiari e amici, sono la chiave di lettura dei suoi quadri e dei suoi acquerelli che meglio rimandano le impressioni delle sue visioni nel suo cuore.

 

Dopo il grigiore della guerra franco prussiana del 1870, un’artista più matura e consapevole si impone sullo scenario della pittura parigina per tecnica e ideologia artistica assolutamente non convenzionali, ritagliandosi il suo spazio di celebrità accanto ad artisti del calibro di Monet, Degas, Renoir…

Degas è nel giusto quando afferma che se si parla di arte non si devono nominare né uomini né donne ma solamente artisti. Tuttavia, dobbiamo tener presente una cosa: per indurre il mondo ad accettare questa grande verità, come donna, avrai bisogno di un gruppo di amici, affini per intenti e disposizione d’animo, la cui stima e il cui affetto ti sia di sostegno e aiuto. E io credo che tu abbia già acquisito questa consapevolezza.

Berthe, la giovane donna

In questo libro non si parla solo di Berthe Morisot come pittrice impressionista, ma anche e soprattutto di lei come giovane donna, svelando e approfondendo il suo lato più intimo e umano.

Berthe Morisot,  la pittrice impressionista

Lo stile utilizzato per la narrazione che ricorre a punti di vista diversi e compie frequenti incursioni nella sfera più privata di Berthe in particolare (ma anche leggendo i pensieri reconditi di Edouard) riportando brani epistolari, ma ancora di più con il flusso di coscienza libero, offre una visione a tuttotondo della protagonista mettendo il lettore in diretto contatto con i personaggi che hanno contornato il mondo di lei.

La storia del romanzo

La cronologia della storia procede attraverso  l’alternanza dei momenti dell’allestimento della mostra retrospettiva curata, nel 1896, presso la galleria Durand-Ruel da Degas, Renoir e Monet con la figlia Julie e la sorella Edma Morisot, e il racconto della circostanza effettiva che ha originato la singola opera, fungendo da collegamento continuo tra passato e presente; il tutto raccordato da una circolarità che fa aprire il libro con il capitolo intitolato “La festa del fidanzamento – Parte prima” e lo fa concludere con il capitolo dal titolo “La festa di fidanzamento – Parte seconda”.

Sinossi

Nel marzo del 1896, ad un anno esatto dalla morte di Berthe Morisot, il gallerista Durand-Ruel organizza la prima retrospettiva a lei dedicata, con 394 opere tra dipinti e disegni.
Per tre giorni gli amici più cari di Berthe, Renoir, Degas, Monet e Mallarmé, affiancati da Julie e da Edma, rispettivamente la figlia e la sorella della pittrice, lavorano senza sosta per allestire l’esposizione. Mentre gli artisti discutono animatamente, in disaccordo sulla sistemazione ideale delle opere nelle sale della galleria, l’attenzione di Julie viene attratta da alcuni quadri di sua madre; rivive cosi la storia professionale e personale di Berthe, a cominciare dal suo primo incontro col grande artista Edouard Manet e dalla loro reciproca passione, fino al matrimonio della donna con Eugène, fratello del pittore.

Le impressioni di Berthe su Amazon

Leggi anche… Lavinia Fontana, “pontificia pittrice”  Donne che fanno la Storia

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.