Uno scialle sul fiume Temo – di Maria Lidia Petrulli

Uno scialle sul fiume Temo – di Maria Lidia Petrulli

scialle temo

Uno scialle sul fiume Temo – di Maria Lidia Petrulli

recensione di Emma Fenu

scialle temo

 

Uno scialle sul fiume Temo è l’ultimo romanzo di Maria Lidia Petrulli edito da Pluriversum nel 2021.

Aliena, nomen omen, è una donna albina di cinquant’anni che decide di allontanarsi da Tolosa e rifugiarsi in un angolo di mondo senza distrazioni, in modo da riprendere contatto con se stessa e con la propria vena artistica.

Giunge così in Sardegna, a Monteleone Roccadoria, un paese fatto di case di pietra, di salite e discese, di vecchi con cent’anni di ricordi e di vecchie con la gonna a pieghe, gli occhi che brillano e i piedi che muovono passi di danza. Intorno, come un dio benevolo, il fiume Temo che accoglie i riflessi del sole.

Ma essere alta, magra, completamente coperta di vestiti, con i capelli bianchi, la pelle diafana attraversata da vene e lo sguardo bicromatico, con un occhio azzurro e uno grigio, nell’infanzia era stato causa di emarginazione e da adulta di distinzione e origininalità, ma in quel angolo di mondo si intreccia con oscure leggende.

La Sardegna è la terra dei giganti che costruivano tombe e continuano a esistere, non visti, delle janas, le fate che tessono filigrana d’oro in minuscoli telai, dei nuraghi, dei costumi tradizionali ricamati, dell’afa, della neve e del vento, del vino accompagnato da formaggio, mandorle e miele, ma anche delle bruscie, ossia delle streghe.

Ed è così che, inizialmente, Aliena viene accolta in paese, come uno spirito malvagio, fino a quando la diversità sarà compresa quale dono fatato, ossia la capacità di creare storie, immagini e racconti e di tessere racconti lungo il passato che si tende verso il futuro.

Uno scialle sul fiume Temo è un libro dolce, elegante, dalle atmosfere fiabesche interrotte da dialoghi vividi e reali, che racconta il bisogno di guardare verso il cielo, di trovare il proprio totem, di credere nella magia perchè senza la fantasia non c’è nessuna storia degna di essere tramandata.

 

Link d’acquisto

https://www.ibs.it/scialle-sul-fiume-temo-nuova-libro-maria-lidia-petrulli/e/9788831354479

Sinossi

Aliena dipinge carte.

Arrivata a un punto cruciale della sua vita, senza confidare a nessuno le sue ragioni, lascia Tolosa, il marito e il suo lavoro per trasferirsi in un paesino della Sardegna, dove la vita si è fermata a cinquant’anni prima.

Sulle sue stradine acciottolate, prive di chincaglieria umana, affronta la diffidenza del paese, non tanto perché straniera ma perché albina.

Cosa vuol dire essere considerati diversi sin dalla nascita perché non puoi stare al sole, hai gli occhi bicolore e la pelle su cui le vene si disegnano come su una carta geografica?

L’incontro con Annalisa Noria segna una svolta.

La donna sarà la sua Beatrice attraverso il passato, le leggende e le tradizioni sarde che le spalancano un mondo nuovo, una maniera diversa di guardare il presente, di tradurlo e di viverlo, permettendole di recuperare un talento smarrito.

Attraverso le pagine della storia scorrono paesaggi, costumi e modalità di vivere, i cambiamenti troppo rapidi di una società che irrompe con la tecnologia nelle abitudini, dimenticandosi le origini.

Titolo: Uno scialle sul fiume TEmo
Autore: Maria Lidia Pietrulli
Edizione: Pluriversum, 2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − 6 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.