Autore: Maria Cristina Sferra

Semplicemente, donne.

Buon primo compleanno

“Buon primo compleanno, amore mio” di Annarita Tranfici

“Buon primo compleanno, amore mio” di Annarita Tranfici Contest Lettere al Femminile Cos’è un anno? Nell’insieme di una vita benedetta dalla longevità, può sembrare poco più di un battito di ciglia. Cos’è un anno, per una madre? Cosa rappresenta, se quello è il primo che l’ha vista cimentarsi in una sfida umanamente così coinvolgente e…
Leggi tutto

matrimonio mia sorella

“Il matrimonio di mia sorella” di Cinzia Pennati

“Il matrimonio di mia sorella” di Cinzia Pennati Recensione di Maria Cristina Sferra Agnese è una moglie, è la madre di due bambine, è una lavoratrice, ma è anche una figlia, una sorella, una nipote. Soprattutto è una donna e, come ogni donna, ha molti ruoli, molto da fare, molte ansie, molti dubbi. Agnese ha…
Leggi tutto

ritrovarsi

“Ritrovarsi” di Loriana Lucciarini

“Ritrovarsi” di Loriana Lucciarini Recensione di Maria Cristina Sferra Coleen ha trentatre anni, occhi di giada, capelli di fiamma. Coleen ha un matrimonio finito, una figlia adolescente, un’amica speciale. Coleen ha il ricordo di una notte di giovinezza chiuso a chiave nel profondo del cuore. E dentro quel ricordo segreto, sulle note dei rimpianti e…
Leggi tutto

lettera a un amico speciale

“Lettera a un amico speciale” di Maria Concetta Biundo

“Lettera ad un amico speciale” di Maria Concetta Biundo Contest Lettere al Femminile Caro amico speciale, sei andato via, così, quasi all’improvviso, senza che avessi avuto abbastanza tempo per abituarmi all’idea del tuo allontanamento. Per un attimo mi è rimasto un senso di vuoto, un vuoto che riuscivo a colmare prima, quando in qualunque momento…
Leggi tutto

viaggio oggetto smarrito

“Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” di Salvatore Basile

  “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” di Salvatore Basile Recensione di Maria Cristina Sferra A volte gli oggetti si perdono. A volte vengono ritrovati. Michele li raccoglie e li accumula, li conosce e se ne prende cura come un collezionista. È un uomo solo che ha per unica compagnia le cose che gli…
Leggi tutto

salve prof

“Salve prof” di Maria Cristina Sferra

“Salve prof” di Maria Cristina Sferra Contest Lettere al Femminile Salve prof, sono quarant’anni che ho qualcosa da dirle e oggi, finalmente, prendo carta e penna per farlo. Di certo lei non sa chi sono, ma io di lei mi ricordo bene: la professoressa di italiano dei tre anni di scuole medie. A quei tempi…
Leggi tutto

L'età dell'erba

“L’età dell’erba” di Ilaria Biondi

“L’età dell’erba” di Ilaria Biondi Recensione di Maria Cristina Sferra L’anima delicata e attenta della poetessa osserva e si pone in ascolto. In una pratica che si avvicina allo Zen dello spirito, respira il profumo del vento, traccia il contorno di un fiore, sfoglia i mutamenti del creato, traduce per noi il misterioso incanto della…
Leggi tutto

carissima antonietta

“Carissima Antonietta” di Agnese Pasquale

“Carissima Antonietta” di Agnese Pasquale Contest Lettere al Femminile Carissima Antonietta, come stai? Non ci vediamo da più di trent’anni, ci siamo perse di vista senza neanche capire perché… Venisti una volta a casa mia, poi ci sentimmo un pezzo per telefono e in seguito, un po’ alla volta, per colpa sicuramente della lontananza e…
Leggi tutto

Un'altra vita

“Un’altra vita” di Filomena Lamberti e voci amiche di Spaziodonna

“Un’altra vita” di Filomena Lamberti e voci amiche di Spaziodonna Recensione di Maria Cristina Sferra Un’altra vita di Filomena Lamberti e voci amiche di Spaziodonna, come è scritto in copertina, non è un romanzo. È il coraggio di testimoniare. La pubblicazione (Ed. Arti Grafiche Boccia, Salerno, 2017) è stata realizzata dall’associazione “Spaziodonna – Linearosa” di…
Leggi tutto

caro marito

“Caro, caro marito mio” di Mirella Morelli

“Caro, caro marito mio” di Mirella Morelli Contest Lettere al Femminile Caro, caro marito mio. Capita di sfogliare vecchie foto e di trovarne qualcuna più simbolica delle altre. Capita di osservarle con occhio disincantato, come si osservassero degli estranei. Oppure avere un sussulto del cuore, vedendoci dentro in un millesimo di secondo tutti quegli anni…
Leggi tutto