Autore: Federica Sanguigni

Il cortile

Il cortile di Marilena Viola

Il cortile di Marilena Viola Siamo qui, nel cortile interno del vecchio palazzo nobiliare, l’unico del mio paese, ora abitato e aperto al pubblico solo d’estate.  Siamo tutti insieme, i vecchi amici ritrovati, quelli dell’infanzia e dell’adolescenza, ad ascoltare un concerto per pianoforte e violino.  Dolci suoni invadono le stanze ormai vuote, disabitate, dimora d’un…
Leggi tutto

La sunèta di Rita Vecchi

La sunèta di Rita Vecchi

La sunèta di Rita Vecchi Avevi imparato da autodidatta a suonare la sunèta (armonica a bocca), a dodici anni, per trascorrere piacevolmente le lunghe ore durante le quali dovevi custodire le mucche al pascolo. Ispirato dai canti di montagna che il tuo papà era solito proporre alla famiglia e agli amici, le tue prime esecuzioni…
Leggi tutto

Enheduanna: una donna il primo poeta della storia

Enheduanna: una donna, il primo poeta della storia

Enheduanna: una donna, il primo poeta della storia Rubrica di poesia a cura di Federica Sanguigni Se facessimo un viaggio nel tempo impostando la data intorno al 2300 a.C., potremmo avere la possibilità di conoscere una donna speciale: Enheduanna. Principessa della più importante dinastia della Mesopotamia, la dinastia di Akkad fondata da suo padre Sargon,…
Leggi tutto

Il Festival delle Fragole

Il Festival delle Fragole di Simona Melis

Il Festival delle Fragole di Simona Melis In una giornata di sole cocente che spaccava le pietre e apriva i volti in grandi sorrisi, ho partecipato a una camminata, tra gli infiniti campi, che si svolge ogni anno ad Amial, Torres Vedras, in Portogallo. L’attività è inserita nel “Festival delle Fragole”, regine assolute della zona,…
Leggi tutto

Il giovedì del sottobosco

Il giovedì del sottobosco di Luana Giovanelli

Il giovedì del sottobosco di Luana Giovanelli Ennesimo giovedì: il tempo scorre lento, le immagini sembrano pennellate su una tela bianca, i suoni intermittenti ricordano a Chiara che è ancora al mondo. Fino alle 19.15, quando giunge affannata e in ritardo al sottobosco. Così chiama quel luogo di ritrovo in cui da mesi tenta di…
Leggi tutto

Poesia: femminile singolare

Poesia: femminile singolare

Poesia: femminile singolare Rubrica a cura di Federica Sanguigni Non c’è naviglio come un libro per portarci in terre lontane né destrieri come una pagina di poesia scalpitante – Questa traversata è offerta ai più poveri senza peso di pedaggio – quant’è frugale la carrozza su cui l’anima umana viaggia. (Emily Dickinson) È con grande…
Leggi tutto

Difettosa

Difettosa di Moka

Difettosa di Moka Recensione di Federica Sanguigni Difettosa è una silloge poetica di Moka (Monica Zanon), pubblicata nel 2017 con “Youcanprint”. “Con la poesia misuro le mie cicatrici” Si apre con questa affermazione la raccolta di versi di Moka. Un pensiero che potrebbe essere esso stesso il verso di una poesia, una sorta di incipit…
Leggi tutto

Perché respiri ancora

Perché respiri ancora di Lorenzo Bottone

Perché respiri ancora di Lorenzo Bottone Giorni infiniti, confusi con la notte. Perpetui nei loro moti. Mischiati con il tempo che sembra fermo, incapace di passare. Quanti ne ho attraversati, senza difese, a mani nude. Recuperando brandelli di cuore sconquassato, sparsi qua e là tra i corridoi della vita: lunghissimi tunnel, freddi e silenziosi, dove…
Leggi tutto

Maledetta Primavera

Maledetta Primavera di Marina Fichera

Maledetta Primavera di Marina Fichera Sono ben cinquecentotrentanove anni che aspetto in silenzio. Che cosa aspetti? Direte voi. Lo scoprirete tra poco, perché oggi son qui per sfogarmi e riavere finalmente ciò che mi occorre. Ma vi rendete conto che nel lontano 1482 ancora non esisteva l’America? Niente pomodoro, patate, mais, tabacco. Figuriamoci la quinoa,…
Leggi tutto

Oltre l'onda

Oltre l’onda di Maddalena Francavilla

Oltre l’onda di Maddalena Francavilla Due punti luminosi nel nero della notte stavano diventando sempre più vicini, due occhi in una faccia nera si stavano aggrappando a lei. Non l’aveva sentita arrivare, doveva esserci un corpo attaccato a quella faccia, perché era pesante. In due sarebbe stato più facile andare a fondo, ma quella faccia…
Leggi tutto