Autore: Serena Pontoriero

“La lettera scarlatta” di Nathaniel Hawthorne

“La lettera scarlatta” di Nathaniel Hawthorne Recensione di Serena Pontoriero   “La lettera scarlatta” è un classico della letteratura statunitense, pubblicato nel 1850 da Nathaniel Hawthorne. Esso è ambientato nel 1640 e narra la storia di Hester Prynne, una giovane donna di origine inglese che si è trasferita a Salem, nella Nuova Inghilterra. Hester è…
Leggi tutto

“La dama in grigio” di Antonia Romagnoli

“La dama in grigio” di Antonia Romagnoli Recensione di Serena Pontoriero “La dama in grigio” fa parte della saga “ghost ladies” pubblicata da Antonia Romagnoli fra il 2016 e il 2019.  Il romanzo è ambientato in Inghilterra, in Cornovaglia, nei primi anni del XIX secolo. L’intreccio vede Joanne, una giovane dama di famiglia borghese, costretta…
Leggi tutto

“Bingo” di Ruscio Cent’anni

“Bingo” di Ruscio Cent’anni Volevo bene a mio padre, c’era sempre mio padre. Tornavo a casa e chiedevo: “Dov’è mamma? Lui ogni volta rispondeva: “Al bingo”. Io non sapevo cosa fosse bingo, ma quando in terza elementare la maestra mi regalò un orsacchiotto, lo chiamai così. Volevo bene a mio padre, tanto bene a mio…
Leggi tutto

“Mi sei mancata più di tutte le mancanze” di Grazia Fresu

Voglio dirle a te, mamma, eterna in uno spazio tempo lontano, le parole  che a tua nipote ha detto la sua bambina, tutta l’essenza di un legame nell’abbraccio di un incontro suggellato con la magia di una frase, mi sei mancata, mamma, nei passaggi impervi della vita dove la tua carezza poteva consolarmi nei dubbi…
Leggi tutto

“Il fuoco” di Gabriele D’annunzio

“Il fuoco” di Gabriele D’annunzio Recensione di Serena Pontoriero Considerato letteratura secondaria, “Il fuoco” di Gabriele D’annunzio è un romanzo affascinante. La trama, di per sé, è abbastanza banale e incompleta. Si raccontano gli exploit poetici del giovane Stelio Effrèna, i suoi sentimenti per le donne che lo circondano, e in particolare per Perduta, ed,…
Leggi tutto

“Com’eravamo” di Maria Grazia Casagrande

Era sempre agosto quando partivamo. La piccola cinquecento azzurrina carica di valige sistemate sul portapacchi e noi stipati all’interno: mia madre al volante con accanto mio fratello, mia nonna ed io sui sedili posteriori. Susa distava poco più di cinquanta chilometri da Torino, ma ancora non esistevano tangenziali o autostrade, e dunque per raggiungere la…
Leggi tutto

“Ore 18, ora di punta” di Serena Pontoriero

Ore 18. L’ora di punta per l’uscita dagli uffici. Io ed un’altra trentina di persone aspettiamo sulla banchina della metro 2 il prossimo passaggio. I due minuti che ci separano dall’agognato treno sono l’occasione per realizzare uno studio sociologico, più o meno serio, sulle nostre abitudini di individui nel XXIesimo secolo. Gente che non ha…
Leggi tutto

“Nella metà degli anni ’80” di Mauro Sala

Non ho partecipato al concorso (complimenti tra l’altro per l’iniziativa), ma su questa cosa degli anni ’80 non potevo tacere. P.S. Ho sempre meno voglia di scrivere e ancora meno di condividere con chicchessia. Credo sia una questione di motivazioni. Se l’ispirazione è una musa, la mia è fuggita in esilio. Grazie dell’opportunità, è stato…
Leggi tutto

“Occhi Grandi e Cuore d’Argilla” di Gabriella Raimondi

“Occhi Grandi e Cuore d’Argilla” di Gabriella Raimondi Lea è un’artista, dipinge e crea sculture di terracotta. Ha imparato le tecniche pittoriche e artistiche in giro per il mondo. Zaino in spalla. Il suo sogno è aprire un laboratorio in un palazzo con le maioliche blu a Sao Luis in Brasile. Lea è dolce, tenera,…
Leggi tutto

“Il tailleur grigio” di Andrea Camilleri

“Il tailleur grigio” di Andrea Camilleri Recensione di Serena Pontoriero Ne “Il tailleur grigio” i personaggi principali sono tre: un vecchio impiegato di banca, la sua giovane moglie, Adele, e il suo abito grigio. L’impiegato si innamora perdutamente di Adele, una donna di venticinque anni più giovane, bellissima e sensuale. I due si sposano e…
Leggi tutto