Autore: Viola Carrara

Semplicemente, donne.

“Con Beryl, perdutamente” di Liala

“Con Beryl, perdutamente” di Liala recensione di Viola Carrara Lui e lei Lui volto d’ebano, lei pelle chiara e occhi azzurri, di buona famiglia del varesotto, perduti i genitori molto giovane, vive col fratello in una sontuosa villa e prende lezioni di volo all’Aereoclub. Lei moderna, in grado di sfidare il pregiudizio di una società…
Leggi tutto

“Romeo e Giulietta” di W. Shakespeare

“Romeo e Giulietta” di W. Shakespeare Recensione di Viola Carrara   Sfoglio e risfoglio le pagine di questa tragedia secolare dal nome inconfondibile e nei suoi versi non trovo altro che promesse, poesie e apprezzamenti che ai nostri giorni non si tradurrebbero in altro modo che col termine smancerie. Eppur si muove, penso. Ma cosa?…
Leggi tutto

“Il marinaio” di Fernando Pessoa

“Il marinaio” di Fernando Pessoa Recensione di Viola Carrara Unica opera teatrale del famoso poeta portoghese, “Il marinaio” è, come egli stesso lo definisce, un dramma statico in un quadro: tre fanciulle che dialogano fra loro in una stanza rotonda sulla cima di una torre al centro della quale si trova una quarta fanciulla stesa…
Leggi tutto

Il meraviglioso mago di Oz di L. Frank Baum

Il meraviglioso mago di Oz di L. Frank Baum Recensione di Viola Carrara Dorothy è una dolce bambina rimasta orfana che vive con lo zio Henry e la zia Em a cui è molto affezionata, nelle grigie praterie del Kansas. Un giorno un grosso ciclone spazza via la loro piccola casetta con Dorothy e il…
Leggi tutto